Riepilogo della durata del prestito

Riepilogo della durata del prestito

"La vita in prestito" è un romanzo dello scrittore tedesco Erich Maria Remarque.

Alps. Sanatorio per pazienti con tubercolosi "Montana". Clerfeh, onorato pilota automobilistico, viene a trovare il suo buon amico ed ex compagno di squadra Holman. Lungo la strada tortuosa della montagna, Clerfe incontra una slitta trainata da cavalli. Il ruggito del motore spaventò gli animali, a causa dei quali si fermarono sulle zampe posteriori e portarono la slitta direttamente in macchina. L'automobilista si affrettò ad aiutare il guidatore, ma incontrò un rifiuto piuttosto acuto. La slitta era guidata da un uomo alto e maestoso con un cappello di pelliccia nera, la sua compagna era una giovane donna bellissima che, spaventata, afferrò i corrimani del suo "equipaggio" ambulante.

Quindi Klerfe non sapeva ancora che il nome dell'uomo era Boris Volkov. È un ricco emigrante bianco russo, che affitta una casa vicino al Montana. La donna è la belga Lilian Dunkerque di ventiquattro anni. Entrambi sono malati terminali e hanno vissuto in un sanatorio per diversi anni, che allo stesso tempo è la loro salvezza e una comoda prigione.

Dopo un incontro casuale tra Clerfe e Volkov, c'è un'ombra di reciproca antipatia. Gli uomini continuano a non capirne le origini, ma la risposta è semplice: a entrambi piace una donna

Alla fine, Clerfe arriva al sanatorio. È sorpreso da questo nuovo mondo completamente straordinario, che vive secondo le sue stesse leggi. Il tempo sembra essersi fermato qui. Holman, con il quale Clerfe stava percorrendo le autostrade non molto tempo fa, racconta al suo amico degli abitanti del Montana. I residenti permanenti, cioè i malati, possono essere distinti dagli ospiti, cioè sani, dalla concia alpina persistente. Molti di loro sembrano giovani e sani, ma in realtà sono tutti condannati a vivere nell'aspettativa costante della morte imminente. Qualsiasi naso freddo e leggero che cola può costare all'ospite la vita del sanatorio. I pazienti chiamano Montana una comoda prigione e hanno paura di separarsi dalle sue catene invisibili, perché uscire allo scoperto significherà la morte per loro.

Holman desidera correre, i medici gli hanno proibito di guidare una macchina. Chiede all'ex partner degli affari ai campionati e si rallegra segretamente che Clerfe non abbia avuto successo con altri partner. Un amico sta mentendo a un compagno malato - in effetti, si esibisce con successo in tandem con altri atleti - proprio Clerfe non vuole turbare Holman, continua a non leggere più la cronaca sportiva.

La loro conversazione è interrotta dal Lillian apparso inaspettatamente. Si lamenta del Coccodrillo (come i pazienti chiamano la capo infermiera), che le proibisce di camminare la sera, e del Dalai Lama (capo medico), che ha ordinato una radiografia per domani.

Contrariamente alle esortazioni di Krokodilitsa e del meticoloso Volkov, la compagnia si diverte al Palace Bar. Lì, davanti a un bicchiere di vino, Clerfeh parla con Lillian della vita e della morte. Dopo il recente funerale della sua amica Agness Somerville (ex residente del sanatorio), Lillian pensa spesso alla morte. Ad ogni passo vede segni di una morte imminente e la sua stessa malattia sembra molte volte più grave di prima. Clerfe è in qualche modo vicino a Lillian. È un pilota di macchine da corsa ed è sul punto di morire durante ogni gara. Lui, come Dunkerque, perde costantemente qualcuno dal suo ambiente.

Ad esempio, Clerfe ha appena ricevuto la notizia della morte del suo amico. Ha avuto un incidente. All'inizio fu trasformato in un paralitico indifeso, gamba amputata. La cosa peggiore è che il suo amante non è nemmeno venuto a visitare il paziente. Clerfe sapeva che da molto tempo tradiva il suo amico. Ora che se n'è andato, la donna è interessata solo a una domanda: se riceverà denaro dal suo ex. Clerfe crede che la morte per il suo amico sia stata una ricompensa, una vera salvezza dalla delusione, dalla vergogna, da un'esistenza dolorosa. Lilian, al contrario, è convinto che la morte non possa essere felicità. Tutti - uno storpio, ingannato, indigente, perso tutto - vogliono vivere. Solo chi è sulla scia della morte può davvero valutare la vita.

Dopo la sera, Clerfe decide di inviare a Lillian un ramo di orchidee bianche come la neve, che acquista in un negozio vicino al crematorio locale. Tuttavia, vedendo i fiori nella sua stanza, la ragazza li lancia immediatamente fuori dalla finestra. Per lei, i bellissimi fiori sono un messaggio mistico dell'altro mondo, perché esattamente le stesse orchidee che aveva posato qualche giorno prima sulla bara di Agnes. Come si scopre in seguito, i commercianti intraprendenti raccolgono i migliori fiori dalle tombe prima di inviare il corpo al crematorio e rivenderli.

Una situazione imbarazzante è risolta. Clerfe porta di nuovo Lilian a fare una passeggiata e trascorrono insieme dei giorni meravigliosi. A Lilian, come se qualcosa fosse cambiato. Se prima era pronta ad aggrapparsi alla vita, prolungandola dolorosamente con la sua prigionia sicura, poi con l'avvento di Clerfe, per la prima volta voleva vivere davvero. Che cosa ha visto essenzialmente? Infanzia, gioventù, che quasi non ricorda. Quindi la guerra con la sua privazione, la fame, la paura eterna. Dopo la guerra, una malattia aperta e l'isolamento immediato in un sanatorio.

Lilian è qui da quattro anni. Esistono casi di cura assoluta per i pazienti, ma sono molto rari. La maggior parte degli abitanti di "Montana" muore tra le sue mura e lei non vuole farlo. Lilian decide di lasciare il sanatorio, andare a Parigi e iniziare la sua breve ma vera vita.

Lilian Dunkirk incassa in una solida condizione lasciata dai suoi genitori e inizia a spendere soldi. Non ha bisogno di salvare, salvare per il futuro, pianificare una famiglia. Lilian mette molti soldi per cose nuove e intrattenimento.

Clerfe, nel frattempo, parte temporaneamente per Roma. Lì, firma un contratto con una società di corse automobilistiche e per un po 'è d'accordo con l'ex padrona Lydia Morelli. Al suo ritorno a Parigi, Clerfe non riconosce Lilian - da una dolce ragazza di provincia si trasforma in una donna affascinante. Ora sta iniziando una vera storia d'amore tra i giovani.

Nonostante i tentativi di zio Lilian, che non conosce la malattia di sua nipote, di farla passare come un ricco gentiluomo, la ragazza sceglie Clerfe. Non ha assolutamente tempo per l'ipocrisia, non ha bisogno di fare calcoli lungimiranti, vuole solo amare ed essere amata.

L'unica cosa che Lillian non condivide è l'occupazione di Clerfe. Non capisce perché i giovani forti e sani rischiano la vita. Racing Lillian non partecipa. Per lei, questo è uno spettacolo troppo doloroso.

Gli innamorati si sciolgono più volte, ma ogni fidanzamento è seguito da un altro incontro e da una violenta riconciliazione. Clerfe è così attaccato alla ragazza che le offre di diventare sua moglie. Lilian capisce: ora Clerfe ha un futuro, mentre lei non ne ha uno. Rifiuta dal suo amante l'aggravamento della sua malattia e si offre di aspettare fino al prossimo anno. Lilian sa benissimo che non può durare così a lungo.

Tuttavia, il destino è uno scherzo crudele: il primo della sua vita lascia Clerfe. Viene picchiato a morte durante le gare di Monte Carlo. Lilian, con il sostegno di Boris Volkov, che ha immediatamente trovato la ragazza, ritorna nel Montana. Rimprovera l'universo per aver portato Clerfeh davanti a sé. Questo è ingiusto! Non doveva succedere!

Sulla strada per il Montana, Lillian incontra Holman. Era tra quei rari fortunati che sono riusciti a superare la malattia. Ora può anche tornare a correre, prendendo il posto vacante di Clerfe.

La morte sorpassa Lilian Dunkirk sei settimane dopo la morte del suo amante. La ragazza muore nel sanatorio "Montana" per emorragia.

Aggiungi un commento

Rispondi

La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *