Breve biografia di Mikhail Ostrogradsky e fatti interessanti

Mikhail Vasilyevich Ostrogradsky presenta una breve biografia della matematica in questo articolo.

Breve biografia di Mikhail Ostrogradsky

Nacque il 12 settembre (24), 1801 nel villaggio di Pashennaya (provincia di Poltava) nella famiglia di un proprietario terriero. Durante l'infanzia, era estremamente curioso dei fenomeni scientifico-naturali, sebbene non mostrasse una brama di studio.

Ha ricevuto la sua istruzione primaria in un collegio presso la palestra Poltava, dove il regista era I.P. Kotlyarevsky - un famoso poeta ucraino.

Si è laureato al corso di matematica all'università di Kharkov; quindi ha partecipato a conferenze a Parigi alla Sorbona e al College de France. Qui attirò l'attenzione dei famosi matematici Lallas, Fourier, Ampère, Poisson, Cauchy.

1823: invitato come professore al Collegio di Enrico IV.

Nel 1826, presentò all'istituto un libro di memorie: "Sur la propagation des ondes dans un bacin", pubblicato nel 1832 nel volume III di "Memoires presenteen par divers savants". I suoi lavori sulla teoria di alcuni integrali sono i più famosi; a lui appartiene, ad esempio, la derivazione di un'espressione per la variazione di un integrale multiplo.

1828: ritorna in patria con un diploma francese e una meritata reputazione di talentuoso scienziato. Dapprima insegnò alla Main Engineering School of the Russian Empire e all'Institute of the Corps of Railway Engineers.

1830: eletto accademico straordinario dell'Accademia delle scienze di San Pietroburgo. In seguito, grazie ai suoi eccezionali risultati scientifici, M. Ostrogradsky fu eletto membro corrispondente dell'Accademia delle Scienze di Parigi, membro delle accademie e società scientifiche americane, romane e di altro tipo. Membro onorario dell'Università di Mosca (1844).

1 gennaio 1862 a Poltava Ostrogradsky morì.

Mikhail Ostrogradsky fatti interessanti

I suoi interessi includevano le principali questioni di meccanica, teoria dei numeri, balistica, algebra e meccanica celeste, analisi matematica e fisica matematica.

Ostrogradsky era alto, pieno, aveva una voce forte.

M.V. Ostrogradsky aveva un occhio solo. Ciò derivava dalla manipolazione incauta di Ostrogradsky con una partita di fosforo durante il suo secondo viaggio a Parigi.

Alla fine della sua vita, Ostrogradsky era interessato allo spiritualismo.

Ostrogradsky amava la sua lingua madre, la letteratura nativa, conosceva e apprezzava il lavoro di Taras Grigorievich Shevchenko, con il quale la palla era familiare e aveva buoni rapporti, molti dei quali leggeva a memoria.

Lo scienziato aveva una buona memoria, ricordava molte opere letterarie e storiche lette anche nella sua prima giovinezza; conosceva a memoria molte poesie.

Ostrogradsky adorava essere in pubblico e , quando si trovava nel suo villaggio, andava spesso in visita o riceveva ospiti. Nella società, era un conversatore intraprendente, interessante e spiritoso.

Nel 1831, Ostrogradsky sposò Maria Vasilievna Kupfer. Hanno avuto 3 figli: un figlio e due figlie. Ostrogradsky adorava giocare con i suoi figli e con i figli di suo fratello.

Aggiungi un commento

Rispondi

La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *