Breve biografia di Mahatma Gandhi

Breve biografia di Mahatma Gandhi

Mohandas Karamchand "Mahatma" Gandhi è un personaggio politico e pubblico indiano, uno dei leader e ideologi del movimento per l'indipendenza dell'India dalla Gran Bretagna.

Mohandas Gandhi nacque il 2 ottobre 1869 nella città di Porbandar (India) in una famiglia appartenuta al Vaisya Varna, cioè una casta di prestatori di denaro e commercianti. Era il sesto figlio in famiglia. La famiglia era benestante, il che permise a Mohandas di ricevere una buona istruzione . Secondo le leggi della sua religione, Gandhi fu promesso sposo a 7 anni con la stessa età di Kasturbay della stessa casta a cui apparteneva. A 13 anni, gli adolescenti si sono sposati. Gandhi successivamente affermò di non aver trovato alcuna giustificazione morale per giustificare tali matrimoni precoci. Allo stesso tempo, ha detto che una tale unione gli ha dato una meravigliosa unione di anime con sua moglie per la vita, che ha condiviso tutte le prove di suo marito.

Nel 1888, Gandhi andò in Inghilterra per ricevere una laurea in legge . A quel tempo aveva già un figlio piccolo. Durante l'allenamento, Mohandas iniziò a conoscere i libri sacri dell'induismo, così come altre religioni del mondo. Dopo aver conseguito la massima laurea in legge nel 1891, Gandhi tornò in India, ma a causa della sua onestà e responsabilità, non fu in grado di salire la scala della carriera. Nel 1893, riceve una proposta commerciale e viaggia in Sudafrica .

Fu in Sudafrica, controllato dalla Gran Bretagna, che Gandhi incontrò per la prima volta il razzismo : fu cacciato con la forza dalla carrozza dove cavalcavano i bianchi, fu spinto fuori dai marciapiedi destinati di nuovo ai bianchi. Quindi Mohandas si rese conto che un simile atteggiamento qui era rivolto a tutti quelli di "colore". Gandhi ha iniziato la lotta per la protezione dei diritti degli indiani in Sudafrica, che ha condotto per 21 anni, fino a quando non ha raggiunto il successo.

Nel 1945 Gandhi tornò in India e trovò il paese senza speranza e scoraggiato. Gandhi e i suoi seguaci iniziarono a parlare durante i raduni e chiesero una lotta contro l'oppressione britannica . Ma questa lotta doveva essere limitata solo da forme non violente, Gandhi ha condannato qualsiasi manifestazione di aggressione. Con un esempio personale, ha dimostrato ai connazionali che sarebbe possibile risolvere pacificamente qualsiasi problema complesso.

Mahatma Gandhi guidò il movimento di liberazione nazionale del popolo indiano per l'indipendenza dalla Gran Bretagna e ebbe un enorme impatto sui movimenti di pace internazionali.

Di nuovo in Sudafrica, Gandhi sviluppò una tattica di lotta non violenta chiamata Satyagraha , che si basava sui principi di coraggio, verità e non violenza. Gandhi credeva che il modo per raggiungere obiettivi politici e sociali sia molto più importante del risultato stesso. Satyagraha ha anche promosso la non violenza e la disobbedienza civile come il modo migliore per risolvere qualsiasi conflitto. Come risultato di tutte queste azioni, l'Inghilterra iniziò inizialmente i negoziati con il popolo indiano e il 15 agosto 1947 l'India ottenne tuttavia l'indipendenza .

La vita del "padre della nazione" terminò tragicamente quando il 30 gennaio 1948, durante la preghiera della sera, fu ucciso a colpi di arma da un nazionalista indiano e un combattente per la libertà armata per l'India, Nathuram Godze.

Aggiungi un commento

Rispondi

La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *