I personaggi principali della fiaba "Frost"

I personaggi principali della fiaba "Frost" e le loro caratteristiche (figliastra, matrigna, figlia, vecchio) aiuteranno a ricordare di cosa tratta questa storia .

Eroi della fiaba "Gelo"

La figliastra è una ragazza gentile ed educata, non ha paura delle difficoltà, è laboriosa e affettuosa. La ragazza ha lavorato molto a casa sua, non ha sentito buone parole. Poiché la sua vita non era viziata, la ragazza era grata per il piccolo. Era abituata alle difficoltà, temperata, riconciliata.

La matrigna è malvagia, avida e senza cuore, litigiosa. Dà tutto il lavoro alla figliastra, risparmia e protegge la propria figlia.

La figlia della matrigna - sembra una madre, pigra e avida, birichina

Gelo - un personaggio magico, giudica e punisce la giustizia. Il gelo non è solo un personaggio immaginario, ma la personificazione delle forze della natura.

Il vecchio è un uomo debole e volitivo, quando la moglie disse di portare sua figlia a morte certa, tradì sua figlia, aveva paura di sua moglie.

Caratteristiche degli eroi della fiaba "Gelo"

Caratteristiche della figliastra dal racconto "Gelo"

L'eroina principale della fiaba è la figliastra, la ragazza laboriosa, disponibile e mite - il "personaggio socialmente svantaggiato" nella casa della matrigna: "Tutti sanno come vivere dietro la matrigna: ti giri - picchi e non ti fidi - picchi ..." La figliastra ha fatto tutti i compiti, ma non ha mai fatto Potrebbe piacere alla cattiva matrigna brutale.

Secondo il canone delle fiabe, l'eroina lascia la casa prima di trovare la sua felicità. Il motivo: l'eroe dei parassiti (matrigna) mette fuori gioco: “Ecco la matrigna, e ha inventato una figliastra per spremere dalla luce. "Prendilo, portalo, vecchio", dice a suo marito, "ovunque tu voglia che i miei occhi non la vedano!" Portala nella foresta, nel gelo scoppiettante. "
Il personaggio della figliastra è così mansueto che non discute e non resiste quando suo padre la lascia nella gelida foresta invernale.
E si comporta anche docilmente quando la protagonista della fiaba - Morozko - sperimenta il suo personaggio, intensificando e intensificando il gelo. Le risposte della ragazza sono amichevoli, nonostante il gelo che brucia.

Per questo, Morozko compatisce la ragazza e presenta generosamente. Ricchezze come ricompensa: un dispositivo caratteristico delle storie popolari.

Descrizione della matrigna della fiaba "Gelo"

La matrigna, prepotente, invidiosa e avida, vedendo la figliastra illesa e con ricchi doni, dice al vecchio di portare sua figlia nello stesso posto nella foresta. Il motivo principale di tale invidia è comprensibile dalle parole del cane: "Il vecchio è in oro, portato in argento e la vecchia non è sposata".
È per la dote che la vecchia manda la sua amata figlia al freddo.

La situazione nella foresta si ripete: appare Morozko e sottopone la ragazza a tre volte una prova a freddo. Lei, tuttavia, non è dotata né di gentilezza né di mansuetudine ed è piena di orgoglio. Le sue risposte sono maleducate e irrispettose, e Morozko punisce severamente questa eroina: muore di freddo.

propria figlia

"Qualunque cosa facciano, la lodano per tutto"

la pigrizia e l'ozio generano debolezza

figliastra

"La ragazza era d'oro e la sua matrigna si lavava il viso ogni giorno con le lacrime"

"Benvenuto, Dio sa portarti"

sottomissione

duro lavoro

cuore aperto

gentilezza saggezza

matrigna

"Porta il suo vecchio in modo che i miei occhi non vedano"

viziosità

odio

crudeltà

vecchio

“Lo ha fatto, ma aveva paura di discutere; L'ho portato via, ma piuttosto sarebbe tornato a casa

uncomplaining

intasato

patetico

fa freddo

"Ragazza, ragazza, io - Gelo, naso rosso!"

personificazione della natura

armonia con la natura

prova

cane

"Lo sposo porta la figlia del vecchio, ma non prendono la figlia della vecchia"

fedeltà

Aggiungi un commento

Rispondi

La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *