Sommario di Amleto in inglese

Sintesi di Amleto in inglese della tragedia di Shakespeare che puoi ricordare in questo articolo.

Sommario di Amleto in inglese

Atto I.

Il protagonista di Amleto è il principe Amleto di Danimarca, figlio del re Amleto recentemente defunto, e nipote di re Claudio, fratello e successore di suo padre. Claudio sposò in fretta la vedova di re Amleto, Gertrude, la madre di Amleto, e prese il trono per sé. La Danimarca ha una lunga faida con la vicina Norvegia, che culminò quando il re Amleto uccise il re Fortinbras di Norvegia in una battaglia anni fa. Sebbene la Danimarca abbia sconfitto la Norvegia e il trono norvegese sia caduto sul fratello malato del re Fortinbras, la Danimarca teme che sia imminente un'invasione guidata dal figlio del re morto norvegese, il principe Fortinbras.

In una fredda notte sui bastioni di Elsinore, il castello reale danese, le sentinelle Bernardo e Marcello e l'amico Horletio di Amleto incontrano un fantasma che assomiglia al defunto Re Amleto. Promettono di dire al Principe Amleto di cosa hanno assistito.

Mentre la Corte si riunisce il giorno successivo, mentre il re Claudio e la regina Gertrude discutono di affari di stato con il loro anziano consigliere Polonio, Amleto guarda cupamente. Dopo che la Corte è uscita, Amleto si dispera della morte di suo padre e del frettoloso risposo di sua madre. Imparando lo Spettro da Orazio, Amleto decide di vederlo da solo.

Mentre il figlio di Polonio, Laerte, si prepara a partire per una visita in Francia, Polonio gli dà un consiglio contraddittorio che culmina nella massima ironica "far sì che il tuo io sia vero". La figlia di Polonio, Ofelia, ammette il suo interesse per Amleto, ma sia Polonio che Laerte la mettono in guardia dal cercare l'attenzione del principe. Quella notte sul bastione, lo Spettro appare ad Amleto, dicendo al principe di essere stato assassinato da Claudio e chiedendo che Amleto lo vendicasse. Amleto è d'accordo e lo Spettro svanisce. Il principe confida a Horatio e alle sentinelle che d'ora in poi ha intenzione di "mettere una disposizione anticonformista" e li costringe a giurare di mantenere segreti i suoi piani di vendetta. In privato, tuttavia, rimane incerto sull'affidabilità dello Spettro.

Atto II

Poco dopo, Ofelia si precipita da suo padre, dicendogli che Amleto è arrivato alla sua porta la notte prima mezzo spogliato e comportandosi in modo folle. Polonio incolpa l'amore per la follia di Amleto e decide di informare Claudio e Gertrude. Mentre entra per farlo, il re e la regina finiscono di accogliere Rosencrantz e Guildenstern, due conoscenti studenti di Amleto, a Elsinore. La coppia reale ha chiesto agli studenti di indagare sulla causa dell'umore e del comportamento di Amleto. Ulteriori notizie richiedono che Polonio attenda di essere ascoltato: i messaggeri norvegesi informano Claudio che il re di Norvegia ha rimproverato il principe Fortinbras per aver tentato di combattere nuovamente le battaglie di suo padre. Le forze che Fortinbras ha arruolato per marciare contro la Danimarca saranno invece inviate contro la Polonia, anche se attraverseranno una parte della Danimarca per arrivarci.

Polonio racconta a Claudio e Gertrude la sua teoria sul comportamento di Amleto e parla ad Amleto in una sala del castello per cercare di scoprire ulteriori informazioni. Amleto finge la follia ma insulta sottilmente Polonio per tutto il tempo. Quando arrivano Rosencrantz e Guildenstern, Amleto saluta calorosamente i suoi amici, ma discerne rapidamente che sono spie. Amleto diventa amaro, ammettendo di essere arrabbiato per la sua situazione, ma rifiuta di dare il vero motivo per cui, invece, commentando "che lavoro è" l'umanità. Rosencrantz e Guildenstern raccontano ad Amleto di aver portato con sé una troupe di attori che hanno incontrato durante un viaggio a Elsinore. Amleto, dopo aver dato il benvenuto agli attori e aver respinto i suoi amici trasformati in spie, trama per mettere in scena un'opera teatrale con una morte nello stile dell'omicidio di suo padre, determinando così la verità sulla storia dello Spettro, così come la colpa o l'innocenza di Claudio, studiando La reazione di Claudio.

Atto III

Polonio costringe Ofelia a restituire le lettere d'amore e i segni di affetto di Amleto al principe mentre lui e Claudio guardano da lontano per valutare la reazione di Amleto. Amleto cammina da solo nella sala mentre il re e Polonio attendono l'ingresso di Ofelia, meditando se "essere o non essere". Quando Ofelia entra e cerca di restituire le cose di Amleto, Amleto la accusa di immodestia e piange "portandoti a un convento", anche se non è chiaro se anche questo sia uno spettacolo di follia o di vera sofferenza. La sua reazione convince Claudio che Amleto non è pazzo d'amore. Poco dopo, il tribunale si riunisce per assistere al gioco commissionato da Amleto. Dopo aver visto il King Player assassinato dal suo rivale che gli versava del veleno nell'orecchio, Claudio si alza bruscamente e corre dalla stanza: prova positiva per Amleto della colpa di suo zio.

Gertrude convoca Amleto nella sua stanza per chiedere una spiegazione. Nel frattempo, Claudio parla a se stesso dell'impossibilità di pentirsi, poiché ha ancora il possesso dei suoi beni mal meritati: la corona e la moglie di suo fratello. Si inginocchia. Amleto, mentre si reca a visitare sua madre, gli si avvicina di soppiatto, ma non lo uccide, ragionando che uccidere Claudio mentre sta pregando lo manderà dritto in paradiso mentre lo Spirito è bloccato nel purgatorio. Nella camera da letto della regina, Amleto e Gertrude combattono amaramente. Polonio, spiando la conversazione da dietro un arazzo, fa un rumore. Amleto, credendo che sia Claudio, trafigge selvaggiamente, uccidendo Polonio, ma allontana il sipario e vede il suo errore. In preda alla rabbia, Amleto insulta brutalmente sua madre per la sua apparente ignoranza del malvagio di Claudio, ma lo Spettro entra e rimprovera ad Amleto la sua inazione e le sue dure parole. Incapace di vedere o ascoltare lo stesso Ghost, Gertrude prende la conversazione di Hamlet con esso come ulteriore prova della follia. Dopo aver supplicato la regina di smettere di dormire con Claudio, Amleto parte, trascinando via il cadavere di Polonio. Amleto scherza con Claudio su dove ha nascosto il corpo di Polonio e il re, temendo per la sua vita, invia Rosencrantz e Guildenstern ad accompagnare Amleto in Inghilterra con una lettera sigillata al re inglese chiedendo che Amleto venga immediatamente eseguito.

Atto IV

Demente rattristato dalla morte di Polonio, Ofelia vaga per Elsinore. Laerte torna dalla Francia, infuriato dalla morte di suo padre e dalla follia di sua sorella. Claudio convince Laerte che Amleto è il solo responsabile, ma arriva presto una lettera che indica che Amleto è tornato in Danimarca, sviando il piano di Claudio. Claudio cambia tattica, proponendo una partita di scherma tra Laerte e Amleto per risolvere le loro differenze. A Leerte verrà data una lamina avvelenata e Claudio offrirà ad Amleto vino avvelenato come congratulazione se ciò fallisce. Gertrude interrompe per riferire che Ofelia è annegata, anche se non è chiaro se si sia trattato di suicidio o incidente esacerbato dalla sua follia.

Atto v

Horatio ha ricevuto una lettera da Amleto, che spiega che il principe è fuggito negoziando con i pirati che hanno tentato di attaccare la sua nave diretta in Inghilterra, e gli amici si sono riuniti fuori dal palco. Due becchini discutono dell'apparente suicidio di Ofelia mentre scavano la sua tomba. Amleto arriva con Orazio e scherza con uno dei becchini, che scopre il teschio di un giullare dall'infanzia di Amleto, Yorick. Amleto raccoglie il cranio, dicendo "ahimè, povero Yorick" mentre contempla la mortalità. La processione funebre di Ofelia si avvicina, guidata da Laerte. Inizialmente Amleto e Orazio si nascondono, ma quando Amleto si rende conto che Ofelia è quella che viene seppellita, si rivela, proclamando il suo amore per lei. Laerte e Amleto combattono accanto al sepolcro di Ofelia, ma la rissa è spezzata.

Di ritorno a Elsinore, Amleto spiega a Horatio di aver scoperto la lettera di Claudio con Rosencrantz e gli oggetti di Guildenstern e di averla sostituita con una copia contraffatta che indicava che i suoi ex amici dovevano essere uccisi. Un cortigiano insipido, Osric, interrompe la conversazione per consegnare la sfida di scherma ad Amleto. Amleto, nonostante il consiglio di Horatio, lo accetta. All'inizio Amleto fa bene, conducendo l'incontro con due colpi a nessuno, e Gertrude gli fa un brindisi usando il bicchiere di vino avvelenato che Claudio aveva messo da parte per Amleto. Claudio tenta di fermarla, ma è troppo tardi: beve e Laerte capisce che la trama verrà rivelata. Laerte taglia Amleto con la sua lama avvelenata. Nel conseguente scontro, cambiano le armi e Amleto ferisce Laerte con la sua spada avvelenata. Gertrude crolla e, sostenendo di essere stata avvelenata, muore. Nei suoi momenti di morte, Laerte si riconcilia con Amleto e rivela il piano di Claudio. Amleto si precipita su Claudio e lo uccide. Mentre il veleno ha effetto, Amleto, sentendo che Fortinbras sta marciando nell'area, nomina il principe norvegese come suo successore. Horatio, sconvolto al pensiero di essere l'ultimo sopravvissuto, dice che si suiciderà bevendo la feccia del vino avvelenato di Gertrude, ma Amleto lo prega di continuare a raccontare la sua storia. Amleto muore, proclamando "il resto è silenzio". Fortinbras, che apparentemente stava marciando verso la Polonia con il suo esercito, arriva al palazzo, insieme a un ambasciatore inglese che porta notizie delle morti di Rosencrantz e Guildenstern. Horatio promette di raccontare l'intera storia dell'accaduto e Fortinbras, vedendo morta l'intera famiglia reale danese, si prende la corona per sé.

Aggiungi un commento

Rispondi

La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *